VINCI LE TUE PAURE CON I FIORI DI BACH

In un periodo in cui le paure e le incertezze possono prendere il sopravvento, noi abbiamo la possibilità di aiutarci a riportare equilibrio al nostro corpo e alla nostra mente con l’aiuto dei fiori di Bach.

Le paure possono essere di svariate origini e, a seconda della frequenza emessa, troviamo il fiore più adatto che porta armonia al disequilibrio creato, portando così uno stato completo di benessere.

QUALE FIORE UTILIZZARE?

– ASPEN: è il fiore delle paure vaghe senza una apparente causa.
Assumere Aspen dona coraggio, blocca l’eccessiva immaginazione e aiuta a reagire con calma agli stimoli negativi.
– MIMULUS: è il fiore delle paure concrete: di ammalarsi, di volare, del dentista….
Assumere Mimulus aiuta ad essere meno apprensivi ed affrontare con serenità la quotidianità.
-RED CHESTNUT: è il fiore di chi ha paura che accada qualcosa di brutto alle persone care.
Assumere Red Chestnut aiuta a ridimensionare i legami ossessivi e favorisce l’indipendenza emotiva.
– CHERRY PLUM: è il fiore di chi ha paura di perdere il controllo.
Assumere Cherry Plum aiuta a rilassarsi nelle situazioni di tensione e ad accettare il proprio lato scuro
– ROCK ROSE: è il fiore di chi soffre di attacchi di panico.
Assumere Rock Rose aiuta a liberare la mente dal terrore, sblocca il plesso solare e dona coraggio, energia e lucidità.
– RESCUE REMEDY: è il rimedio di emergenza ed è efficace in caso di shock emozionale o di stress acuto improvviso.
Dona immediatamente tranquillità e pace.
Contiene 5 fiori di Bach e sono: Cherry Plum, Clematis (presenza nel qui e ora, Impatiens (decelerazione fisica e mentale), Rock Rose e Star of Bethlehem (scioglie la paralisi emozionale conseguente a un evento traumatico).


I fiori si possono assumere non solo per via orale, ma anche attraverso la pelle mettendo alcune gocce nell’olio utilizzato per il massaggio.

Se vuoi avere ulteriori informazioni o prenotare una seduta con massaggio chiamami al 3451233920

N.B. Le discipline olistiche, non vogliono assolutamente porsi come soluzione alternativa alle cure mediche e neppure interferire nel rapporto medico-paziente.
L’operatore olistico, nel rispetto del proprio Codice deontologico, non compie nessun atto medico, ma opera per stimolare le risorse naturali dell’individuo e per creare le migliori condizioni di equilibrio della persona