La MetaMedicina vuole scoprire le origini delle difficoltà fisiche e rivolge la sua attenzione a ciò che non si vede: le emozioni!

Il corpo ci parla attraverso i disturbi fisici… ascoltiamolo!

Di seguito alcuni dei disturbi fisici con il significato emozionale. 

STOMACO ED EMOZIONI

Lo stomaco svolge la funzione della digestione e RAPPRESENTA LA NOSTRA CAPACITA’ DI ACCETTAZIONE.

In MetaMedicina i problemi dello stomaco riguardano situazioni quindi che non sono state accettate o “digerite”.

Possono essere alimenti, idee o situazioni che:
– si rifiutano: VOMITO
– che si considerano ingiuste o che fanno male: DOLORE
– che ci fanno provare rabbia: BRUCIORE

Su quale emozione o su cosa dobbiamo mettere l’attenzione e quale domanda dobbiamo farci quando abbiamo:

– ACIDITA’ DI STOMACO: “Di cosa ho paura?” oppure “Cosa mi preoccupa?”
– DOLORI ALLO STOMACO: “Quale situazione non riesco a digerire?”
– GASTRITE ACUTA DI BREVE DURATA: “Ho vissuto una situazione che considero ingiusta?”
– GASTRITE CRONICA: “Che cosa mi è rimasto sullo stomaco?”
– AEROFAGIA: “Che cosa mi fa paura o mi causa apprensione?”
– ULCERA: in MetaMedicina proviene dalla rabbia di una situazione non digerita, che rimane sullo stomaco, creando bruciori e che a lungo andare ulcerano la mucosa. Spesso sono azioni dei nostri cari che non riusciamo a perdonare o di una decisione che abbiamo subito e non abbiamo accettato quindi …”Che cosa non ho ancora digerito? “

Insieme ad un’ alimentazione corretta e alle cure di un medico competente, è possibili fare dei trattamenti olistici che vanno a sbloccare e lasciare andare l’emozione/situazione che ci crea il disagio, accelerando cosi il processo di miglioramento e benessere., quello della “corona”, quindi è utile in caso di difficoltà spirituale.

BRACCIA ED EMOZIONI

Le braccia rappresentano la nostra capacità di prendere ed eseguire ordini.
Sono il prolungamento del nostro cuore e ci permettono di abbracciare chi amiamo.

In MetaMedicina i problemi alle braccia sono associati ad avvenimenti ed emozioni:

– DOLORE: può derivare da una non accettazione della partenza di una persona che avremmo voluto trattenere.
– PRURITO: è associato all’impazienza nei confronti di ciò che facciamo o ci aspettiamo venga fatto.
– INDOLENZIMENTO: sensazione di avere troppo lavoro da svolgere o credere di essere quelli che devono sempre fare tutto da soli
– INTORPIDIMENTO: desiderio di rendersi insensibili al bisogno di abbracciare o essere abbracciati
– FORMICOLIO: farsi carico di troppe cose e chiedere troppo a se stessi
– EDEMA: sentirsi limitati in ciò che si vuole fare
– PERDITA DI FORZA: sentirsi impotente verso l’aiuto agli altri
– SENSAZIONE DI BRUCIORE: rabbia per una situazione che riguarda il lavoro

RAFFREDDORE ED EMOZIONI

Il raffreddore è un infiammazione delle mucose delle vie aeree (naso, gola, trachea) causata da una infezione virale.
I sintomi generalmente sono: naso che cola e congestione nasale, starnuti frequenti, sensazione di malessere generale e mal di gola, mai da febbre alta e dolori muscolari.

In MetaMedicina il raffreddore è associato ad avvenimenti ed emozioni:

– STANCHEZZA: il corpo ci obbliga a fermarci, in quanto neghiamo il bisogno di riposo perché “dobbiamo assolutamente” finire quello che abbiamo iniziato.
– CATARRO: il catarro è associato alla confusione.
Non sappiamo più dove battere la testa, ci facciamo continuamente le stesse domande:
“Ce la farò?”
“E’ il momento giusto per prendere questa decisione?”
“E’ la persona giusta?”

Per stare bene bisogna prendere consapevolezza delle proprie capacità, ascoltandosi e prendendo la responsabilità della propria vita. Liberarsi dalla paura di quello che può succedere.

NERVO SCIATICO ED EMOZIONI

Il nervo sciatico è il nervo più grande e più lungo del corpo umano.
Assicura la mobilità delle anche, gambe, ginocchia, caviglie e piedi, oltre alla sensibilità grazie ai ricettori presenti nella pelle.

In MetaMedicina i problemi al nervo sciatico sono associati ad avvenimenti ed emozioni:

– DOLORE SU TUTTO IL TRATTO DEL NERVO (COSCIA, GAMBA, CAVIGLIA: è associato alla paura di andare verso una situazione incerta che angoscia (esempio: ritrovarsi da soli, perdere un impiego, non avere soldi per pagare…)
– SCIATICA ED ERNIA: oltre alla paura di andare incontro a situazioni incerte si aggiunge la paura sul piano economico.
– PARALISI SCIATICA: associata alla paura di quello che può accadere, se si lascia un partner, un lavoro o qualsiasi cosa rappresenti sicurezza, a tal punto da paralizzare.
– DOLORE SUL GLUTEO: è collegato ai rapporti di coppia e alla paura di non poter più condividere la sessualità con il proprio partner.

– DOLORE AL POLPACCIO: legato alla paura di non avere abbastanza tempo per finire un lavoro, un progetto o per qualcosa di cui si ha bisogno (esempio: le vacanze…), quello del cuore, quindi è utile in caso di difficoltà di amore verso se stessi e relazioni con altri.

PIEDI ED EMOZIONI

I piedi hanno la funzione di farci avanzare nella vita. I problemi ai piedi e l’andatura esprimono il modo in cui lo facciamo.

In MetaMedicina i problemi ai piedi sono associati ad avvenimenti ed emozioni:

– DOLORE: è associato alla sensazione di non andare avanti, paura di procedere. Ci si può sentire bloccati in quello che si desidera fare.
– DISTRORSIONE ALLA CAVIGLIA: sentirsi trattenuto da impegni lavorativi mentre si vorrebbe fare qualcosa per se stessi.
– EDEMA: sensazione di essere limitati nel procedere.
– INTORPIDIMENTO: paura di rimettere in moto un’attività che si era lasciata in sospeso.
– PIEDI GIRATI VERSO L’INTERNO: sono associati all’introversione, ma anche alla paura di farsi carico di se stesso o assumersi la responsabilità.
– STRASCICARE I PIEDI: è un segno di mancanza di fiducia in sé o nella vita.
– PIEDI PIATTI: aver bisogno di sentirsi appoggiati da qualcuno (generalmente dal padre).
– DOLORI ALLA PARTE ANTERIORE DEL PIEDE: rappresenta la propria motivazione ad andare avanti.
– DOLORI ALL’ARCO DEL PIEDE: è il “ponte” tra passato e futuro… come lo si vive?
– DOLORE AL TALLONE: rappresenta le radici. Il dolore è legato alla paura che ci manchino le radici, il sostegno, all’insicurezza di perdere le cose materiali.

SCHIENA ED EMOZIONI

Lo scheletro della schiena è importante per il sostegno del corpo umano.
Si divide in 5 zone: cervicale, dorsale, lombare, sacrale e coccige.

In MetaMedicina i problemi alla schiena sono associati ad avvenimenti ed emozioni:

– VERTEBRE CERVICALI O ZONA DEL PENSIERO: sono associate alla nostra capacità di fare delle scelte, prendere una decisione, osservare diversi aspetti di una situazione (girare la testa), accettare un’idea o una motivazione (inclinare la testa)
– VERTEBRE DORSALI O ZONA DEGLI AFFETTI: sono associate al sostegno affettivo, al senso di impotenza nei confronti della sofferenza di una persona cara, alla difficoltà di comunicare i propri sentimenti, al sentirsi abbandonati.
– VERTEBRE LOMBARI O ZONA DEI BISOGNI DI BASE: sono associate al sostegno finanziario e materiale, preoccupazioni di non avere soldi a sufficienza, conflitti legati ai soldi, problemi nella coppia sempre legati ai soldi.
– VERTEBRE SACRALI O ZONA SESSUALE: sono associate ad una svalutazione sul piano sessuale.
– VERTEBRE COCCIGE O ZONA DELLA SOPRAVVIVENZA: il dolore a queste vertebre è associato ad un blocco energetico a causa di trauma (incidente, intervento chirurgico…).
Anche la collera e la rabbia hanno la capacità di bloccare l’energia nella zona colpita.

Insieme alle cure di un medico competente, è possibili fare dei trattamenti olistici che vanno a sbloccare e lasciare andare l’emozione/situazione che ci crea il disagio, accelerando cosi il processo di miglioramento e benessere.

Prenditi cura di te! Te lo meriti!

Se vuoi avere maggiori informazioni o prenotare un trattamento chiamami al 3451233920 o scrivi a info@cinziamontesanti.it

Le discipline olistiche, non vogliono assolutamente porsi come soluzione alternativa alle cure mediche e neppure interferire nel rapporto medico-paziente.
L’operatore olistico, nel rispetto del proprio Codice deontologico, non compie nessun atto medico, ma opera per stimolare le risorse naturali dell’individuo e per creare le migliori condizioni di equilibrio della persona.